Archivi categoria: Chirurgia Estetica

L’epilazione laser e il Dott. Luca Campili

L’epilazione Laser

L’epilazione laser è una tecnica che permette la rimozione dei peli superflui su viso e corpo, attraverso apparecchiature che agiscono sul bulbo pilifero. La procedura è sicura e consente di eliminare la peluria per un lungo periodo di tempo. Grazie a lunghezze d’onda specifiche per le diverse tipologie di pelle, il laser emette un fascio di luce che riscalda il fusto del pelo e la sua radice. Lo scopo finale è quello di provocare, seduta dopo seduta, un progressivo assottigliamento e diradamento della peluria, rallentandone fortemente la ricrescita e rendendola non visibile ad occhio nudo.

Questo tipo di intervento è particolarmente consigliato a chi è stanco/a di ricorrere frequentemente a cerette, rasoi e vari altri metodi di depilazione, soprattutto quando si devono trattare zone delicate come inguine, ascelle, baffetti e sopracciglia. Inoltre, l’epilazione laser è indicata per le persone affette da patologie legate al bulbo pilifero, che possono esacerbarsi proprio depilandosi di continuo, tra cui follicoliti irritative e cisti pilonidali.

L’epilazione laser presenta una serie di vantaggi: oltre ad essere indolore, infatti, favorisce una riduzione della quantità e del diametro dei peli, nonché una ricrescita lenta, se non addirittura inesistente, grazie all’eliminazione del bulbo pilifero. Nell’epilazione laser, quindi, il pelo non è strappato, ma la fototermolisi (ossia l’energia luminosa che si trasforma in calore) provoca la distruzione del bulbo e delle cellule che lo rigenerano, consentendo di ottenere risultati duraturi.

Dottor Luca Campili: lo specialista nell’epilazione laser a Terni

Se vuoi abbandonare le dolorosissime cerette, il Dottor Luca Campili è la risposta giusta! Le sue sedute di epilazione laser a Terni  sono praticate con grande professionalità e sicurezza, utilizzando un’apparecchiatura di ultima generazione che genera laser a lunghezze d’onda specifiche per ogni tipo di pelle, agendo sui bulbi piliferi per rallentare e indebolire sempre più la ricrescita del pelo. Il Dottor Luca Campili, professionista dell’epilazione laser a Terni, riceve nel suo studio di Via Cesare Battisti 36/C, a Terni. Fissa subito un appuntamento! Chiama al 340 584 6841.

Dottor Luca Campili: la chirurgia plastica è la sua specialità!

Differenze tra chirurgia plastica e chirurgia estetica

La chirurgia plastica è una branca della chirurgia che ha lo scopo di correggere o riparare malformazioni e difetti anatomici congeniti o acquisiti. Si differenzia in due categorie, la chirurgia ricostruttiva e la chirurgia estetica. La chirurgia ricostruttiva mira a intervenire su malformazioni e traumi che compromettono la funzionalità di uno o più organi, in seguito a incidenti o danni fisici, oppure a causa di malformazioni congenite. Gli interventi chirurgici possono coinvolgere aree anatomiche anche molto estese, ed essendo necessari per la salute sono a carico del SSN. La chirurgia estetica comprende invece tutti gli interventi chirurgici effettuati per apportare una miglioria fisica, e che sono di solito limitati ad aree del corpo ristrette e superficiali. Rispondendo puramente alla finalità estetica, sono completamente a carico del paziente.

Le origini

L’origine della pratica della chirurgia plastica viene fatta risalire all’India antica: a quei tempi era usanza comune amputare il naso della donna adultera o dei trasgressori delle leggi, perciò cominciarono a diffondersi pratiche ricostruttive, come gli innesti cutanei, che consistevano nel taglio di un lembo di pelle sulla fronte del soggetto che veniva utilizzato per ricostruire il naso. Inoltre, nel Sushruta Samhita, documento del chirurgo indiano Sushruta, il medico descrive la ricostruzione dell’orecchio prelevando un lembo di guancia da inserire nella zona da ricostruire. Queste tecniche vennero riprese anche da Ippocrate, che le cita nel suo Corpus Hippocraticum. Nell’antica Roma poi, due dei più grandi medici del tempo, Galeno e Celso, si interessarono di ricostruzioni a fini estetici, tra cui correzioni del labbro e interventi alle orecchie e al naso. Tuttavia, dopo il crollo dell’impero romano, la chirurgia subì una fase di stallo. Un punto di svolta importante si ebbe nel 1597, con la pubblicazione del primo trattato di chirurgia estetica occidentale, il De curtorum chirurgia per insitionem, del medico Gaspare Tagliacozzi.

L’importanza di rivolgersi ad un professionista come il Dott. Luca Campili

Da oggi sentire di avere dei difetti estetici non è un problema irrisolvibile, anzi! Oggi con il progresso della chirurgia estetica diventa sempre più abituale correggere i difetti che non si accettano nel proprio corpo e diventa sempre più semplice ritrovare noi stessi in un corpo che piace e dà soddisfazione! Specializzato nel settore della chirurgia estetica a Viterbo, il Dottor Luca Campili è un professionista in grado di rispondere ad ogni esigenza con grande competenza, ottenendo sempre esiti eccellenti e risultati soddisfacenti per tutti i suoi clienti! La sua professionalità nel settore della chirurgia estetica è ampiamente riconosciuta, i suoi obiettivi mirati a rendere le persone che non si riconoscono nel proprio corpo finalmente soddisfatte e libere di sentirsi a proprio agio in tutte le situazioni, perché felici di avere una silhouette che risponde alle loro esigenze! Il Dottor Luca Campili, professionista della chirurgia estetica a Viterbo, riceve nel suo studio di Via Cesare Battisti 36/C, a Terni. Chiama al 340 584 6841.

Psicologia, medicina estetica e il Dott. Luca Campili

Il trinomio psicologia-medicina estetica-paziente

Quando si parla di trattamenti estetici dobbiamo confrontarci inevitabilmente con la dimensione psicologica del paziente: lì si trovano le motivazioni più profonde della scelta di sottoporsi a un intervento estetico. Spesso ci si dimentica di quanto è importante per la persona la sintonia tra il proprio aspetto e il proprio modo di sentirsi, una sintonia messa in difficoltà dal passare del tempo che, giorno dopo giorno, porta con sé i segni del cambiamento. Sono le rughe o le depressioni cutanee che nel viso si manifestano con più evidenza, influenzando anche la sfera emotiva e intima. Gli aspetti psicologici ricoprono un ruolo fondamentale nella scelta di iniziare una serie di interventi estetici, ed è bene che essi vengano presi in considerazione dallo specialista al pari delle richieste più esplicite. Il paziente gioca un ruolo fondamentale nel riconoscere ed esporre al medico le proprie sensazioni ed i propri desideri più profondi. Solo così si potrà studiare un piano di trattamento che possa ridare luce alla sua bellezza.

Guardarsi allo specchio e non piacersi non è il modo migliore per affrontare le giornate. Vedersi con un look più accettabile, o perlomeno ritenuto tale dal paziente, lo predispone verso quello che dovrà affrontare in modo diverso. Piacersi è il primo passo per accettare gli altri, per essere in armonia con sé stessi, per stare bene nelle situazioni che ci circondano. Ogni persona è un gioiello preziosissimo e come tale ha bisogno di cura e tutela in tutte le sue parti. La consapevolezza di tutto questo matura con il tempo; il piacere di piacersi per affrontare al meglio la quotidianità e avere un approccio positivo alla vita, è uno dei primi fattori che spingono le persone a rivolgersi agli esperti di medicina estetica per iniziare un percorso di trattamento.

Il Dottor Luca Campili: un professionista al servizio del tuo corpo

Per la cura del tuo corpo rivolgiti immediatamente al Dottor Luca Campili, specializzato in medicina estetica a Viterbo. Da tantissimi anni il Dottor Luca Campili aiuta le persone che non accettano il proprio corpo a ritrovare la fiducia in loro stessi. La medicina estetica ha avuto molti miglioramenti negli ultimi anni, e un numero sempre più crescente di persone richiede in maniera sempre più consistente l’ausilio di un professionista che possa soddisfare ogni tipo di richiesta per il proprio corpo. Luca Campili, dottore in medicina estetica a Viterbo, mette a disposizione la propria competenza per soddisfare ogni vostro tipo di desiderio. Dal lifting all’epilazione laser, dal Dottor Luca Campili troverete tutto ciò che fa al caso vostro. Il Dottor Luca Campili riceve nel suo studio di Via Cesare Battisti 36/C, a Terni. Per prendere un appuntamento chiama subito al 340 584 6841.

Chirurgia Estetica A Terni? Dott. Luca Campili!

Il miglior dottore di medicina estetica a Terni

 

Brevi cenni storici sulla medicina estetica

La medicina estetica compare per la prima volta in Francia , nel 1973, grazie ad un intuizione del dott. Jean Jacques Legrand, endocrinologo di Parigi. In Italia appare nel 1975 con la fondazione, ad opera del prof. Carlo Alberto Bartoletti, della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME). Inizia un movimento culturale medico-estetico che farà, nel tempo, da nocchiere della medicina estetica internazionale. In qualche modo Bartoletti è da considerare il padre della medicina estetica italiana, e uno dei principali operatori culturali della medicina estetica internazionale.

Psicologia della medicina estetica

Quando si parla di trattamenti estetici dobbiamo confrontarci inevitabilmente con la dimensione psicologica del paziente: lì si trovano le motivazioni più profonde della scelta di sottoporsi a un intervento estetico. Spesso ci si dimentica di quanto è importante per la persona la sintonia tra il proprio aspetto e il proprio modo di sentirsi, una sintonia messa in difficoltà dal passare del tempo che, giorno dopo giorno, porta con sé i segni del cambiamento. Sono le rughe o le depressioni cutanee che nel viso si manifestano con più evidenza, influenzando anche la sfera emotiva e intima. Gli aspetti psicologici ricoprono un ruolo fondamentale nella scelta di iniziare una serie di interventi estetici, ed è bene che essi vengano presi in considerazione dallo specialista al pari delle richieste più esplicite. Il paziente gioca un ruolo fondamentale nel riconoscere ed esporre al medico le proprie sensazioni ed i propri desideri più profondi. Solo così si potrà studiare un piano di trattamento che possa ridare luce alla sua bellezza.

Guardarsi allo specchio e non piacersi non è il modo migliore per affrontare le giornate. Vedersi con un look più accettabile, o perlomeno ritenuto tale dal paziente, lo predispone verso quello che dovrà affrontare in modo diverso. Piacersi è il primo passo per accettare gli altri, per essere in armonia con sé stessi, per stare bene nelle situazioni che ci circondano. Ogni persona è un gioiello preziosissimo e come tale ha bisogno di cura e tutela in tutte le sue parti. La consapevolezza di tutto questo matura con il tempo; il piacere di piacersi per affrontare al meglio la quotidianità e avere un approccio positivo alla vita, è uno dei primi fattori che spingono le persone a rivolgersi agli esperti di medicina estetica per iniziare un percorso di trattamento.

Dottor Campili

Se stai cercando un professionista della medicina estetica a Terni, rivolgiti immediatamente al Dottor Luca Campili. Da tantissimo tempo aiuta le persone che non accettano il proprio corpo a ritrovare la fiducia in loro stessi. La medicina estetica ha avuto molti miglioramenti negli ultimi anni, e un numero sempre più crescente di persone richiede in maniera sempre più consistente l’ausilio di un professionista che possa soddisfare ogni tipo di richiesta per il proprio corpo.

Luca Campili, dottore in medicina estetica a Terni, mette a disposizione la propria competenza per soddisfare ogni vostro tipo di desiderio. Dal lifting all’epilazione laser, dal Dottor Luca Campili troverete tutto ciò che fa al caso vostro. Il Dottor Luca Campili riceve nel suo studio di Via Cesare Battisti 36/C, a Terni. Fissa subito un appuntamento! Chiama al 340 584 6841.

Mastoplastica additiva Roma – Dr. Cervelli

MASTOPLASTICA ADDITIVA ROMA

 

Il Dr Cervelli, chirurgo plastico Roma, informa…Mastoplastica additiva Roma: grandi risultati firmati dal professionista del settore.

La mastoplastica additiva è l’intervento estetico mammario in assoluto più richiesto ed eseguito. Consiste nel modificare forma e volume del seno mediante l’utilizzo di un impianto mammario in silicone di ultima generazione (involucro ultraresistente testurizzato e gel coesivo all’interno, biocompatibile, ampiamente certificato).

Mastoplastica additiva Roma: Tre parametri fondamentali…

Tre sono i parametri fondamentali di cui discutere attentamente durante la visita preoperatoria: via di accesso, piano di alloggiamento, tipo di protesi.

 

mastoplastica-additiva-roma

 

Via di accesso:

Consiste nella via scelta per inserire la protesi, ne esistono sostanzialmente tre:

 

 

 

La via ascellare (cicatrice nascosta nel cavo ascellare) è poco utilizzata in Europa perché scomoda per il chirurgo, rende difficoltosa l’emostasi (controllo del sanguinamento) ed il corretto posizionamento dell’impianto.

La via del solco mammario (cicatrice di circa 4 cm nascosta nel solco sottomammario), comoda, di facile e rapida esecuzione, la cicatrice risulta ben nascosta e poco visibile, nessun problema di riduzione di sensibilità del capezzolo, l’unico svantaggio è che con l’assestamento della protesi (che comporta una sua possibile piccola discesa) la cicatrice potrebbe posizionarsi nel corpo della mammella ed essere più visibile.

La via dell’areola (cicatrice lungo la metà inferiore del bordo dell’areola), comoda, di facile e rapida esecuzione, buon controllo di tutti i quadranti mammari per una dissezione precisa della tasca protesica, la cicatrice risulta ben nascosta nel punto di passaggio tra la cute pigmentata e non-pigmentata del bordo areolare, l’unico svantaggio consiste nella possibilità di avere una riduzione di sensibilità della metà inferiore di areola e capezzolo, rischio peraltro basso e problema normalmente solo transitorio.

mastoplastica-additiva-roma

Piano di alloggiamento:

Riguarda il piano in cui viene posizionata la protesi. Può essere:

Retroghiandolare, con la protesi posta davanti al muscolo, operazione meno dolorosa ma che rende la protesi più visibile;

Retrofasciale, con la protesi posta davanti al muscolo, ma dietro alla sua fascia anteriore. Questo piano di alloggiamento ha caratteristiche intermedie tra la retroghiandolare e la retromuscolare;

Retromuscolare, con la protesi posta dietro al muscolo, operazione più dolorosa ma che rende la protesi meno visibile. Questo piano è infatti il più utilizzato, e a sua volta si distingue in:

Retromuscolare totale, da usare in paziente magre con seno molto piccolo

Retromuscolare parziale (o Dual-Plane), in cui i due-terzi superiori dell’impianto sono retromuscolari ed il terzo infero-esterno retroghiandolare.

La scelta va fatta sulla base delle caratteristiche intrinseche della paziente (corporatura, volume e forma del seno), la regola vuole che maggiore è la copertura dell’impianto, minima sarà la sua visibilità per un risultato più naturale ed elegante.

mastoplastica-additiva-roma

Tipo di protesi:

Riguarda la forma della protesi da impiantare. Le misure a disposizione sono tante, per poter bene adeguarsi alle dimensioni del torace della paziente, ma le forme possono essere sostanzialmente due:

Protesi tonda, tende a dare risultati più ‘evidenti’ soprattutto nel polo superiore per un decolleté più ‘procace’; posizionata dietro al muscolo senza esagerare con le dimensioni, fornisce comunque risultati naturali e piacevoli. Ha il grosso vantaggio di non essere influenzata dalla rotazione in caso di posizionamento retromuscolare (la mammella mantiene sempre la stessa forma), quindi è consigliata per le donne molto sportive.

Protesi anatomica (a goccia), ha una forma che ricalca quella normale della mammella, quindi fornisce la garanzia di massima naturalezza. Il passaggio tra torace e mammella al decolleté avviene in forma graduale e naturale, senza il tanto temuto ‘scalino’. L’unico svantaggio consiste nel rischio di rotazione in caso di posizionamento retromuscolare (rischio peraltro molto basso se la tasca protesica viene ben confezionata), per cui si richiede di limitare l’uso delle braccia per il primo mese dopo l’intervento.

Esiste un particolare tipo di protesi, sempre in silicone, ma con una copertura esterna in Poliuretano. Questa copertura, molto ruvida, ne impedisce la rotazione ed abbassa il rischio di contrattura capsulare (indurimento della capsula intorno alla protesi), risultando comunque anch’essa biocompatibile. Si tratta di una valida alternativa nelle contratture capsulari recidivanti e nel caso in cui si voglia optare per una protesi anatomica retromuscolare, abbattendo il rischio di rotazione.

Mastoplastica additiva Roma: Solo i migliori fornitori

Le case produttrici di protesi che normalmente utilizziamo sono: Allergan, Mentor e Polytech. Si tratta di aziende leader sul mercato mondiale, che forniscono i più alti standard qualitativi e la massima sicurezza sul prodotto (peraltro con varie forme di garanzia sulle stesse protesi). Costano un po’ di più, ma si tratta di una piccola quota che nel tempo paga certamente: l’intervento va fatto una sola volta impiantando i materiali migliori a disposizione.

Mastoplastica additiva Roma: Day-Surgery di bellezza

L’intervento, della durata di circa due ore, viene eseguito in anestesia locale con sedazione profonda, questo significa poter evitare l’intubazione ed il pernottamento in clinica, gestendo il ricovero in modalità day-surgery e potendo quindi anche risparmiare sui costi di clinica. Altro vantaggio considerevole della sedazione è il poter operare a pressioni sanguigne simili a quelle dello stato di veglia: questo ci permette di controllare bene il sanguinamento durante la procedura (emostasi) ed abbattere il rischio di sanguinamenti nel post-operatorio. Oggi, nell’85% dei casi, possiamo evitare l’uso del drenaggio (tubicino che porta le secrezione dall’interno della tasca periprotesica all’esterno in una sacca di raccolta) ed i disagi ad esso connessi.

Mastoplastica additiva Roma: cosa aspettarsi dal post-operatorio

Nel post-operatorio la paziente assume una terapia antibiotica per bocca per sette giorni (prevenzione delle infezioni), associata ad una valida copertura antidolorifica ed alla protezione per lo stomaco. Indossa, inoltre, un reggiseno senza ferretto e ben contenitivo fino alla rimozione dei punti, che avviene all’incirca dopo due settimane. Soprattutto in caso di protesi anatomiche in posizione retromuscolare è fondamentale limitare i movimenti delle braccia per almeno 15 giorni ed evitare l’attività sportiva per almeno il primo mese dopo l’operazione.

Nell’immediato le mammelle possono risultare innaturali, rigide e poco mobili, questo avviene soprattutto nel caso di alloggiamento retromuscolare ed è dovuto al gonfiore ed alla contrattura che inevitabilmente il muscolo sviluppa. Possono essere necessari dai 2 ai 6 mesi per acquisire la naturalezza e mobilità desiderate.

 

Chirurgo plastico Roma – Acido Ialuronico

CHIRURGO PLASTICO ROMA

ACIDO IALURONICO

Il Dr. Daniele Cervelli, chirurgo plastico Roma, informa…

L’acido ialuronico è sicuramente la star della medicina estetica degli ultimi anni. Se ne parla continuamente, dei suoi effetti benefici in molti campi, così come dei suoi contro, anche se veramente esigui. Ma scopriamo insieme cosa è questa sostanza e in che modo viene in nostro aiuto.

Cosa è l’acido ialuronico?

L’ACIDO IALURONICO è una sostanza naturalmente prodotta dal nostro corpo, quella sostanza grazie alla quale la nostra pelle è dotata di elasticità e resistenza, oltre che idratata e protetta. Con l’avanzare dell’età però i livelli di acido diminuiscono, esso è cioè presente in valori inferiori a quella che è la concentrazione ideale, la pelle si indebolisce e inestetismi come le rughe cominciano a comparire, spingendo le persone a ricorrere a semplici trattamenti come il filler.

Le proprietà dell’acido ialuronico sono comunque molteplici, tanto da essere applicato in diversi campi. Oltre ad essere una indiscussa fonte di giovinezza, agendo contro i segni dell’invecchiamento, esso viene utilizzato in molteplici occasioni. Dalla guarigione di ferite, ustioni e ulcere della pelle, esso viene anche applicato sulla cute come crema idratante, nonchè come valido aiutante nella rigenerazione delle articolazioni. Esso è infatti in grado di ridurre i disturbi alle articolazioni grazie all’azione di riempimento delle aree della cartilagine, rendendole nuovamente lubrificate e resistenti.

Come funziona e quali inestetismi corregge

Oggi l’uso dei filler riempiti di acido ialuronico è diventato uno standard riconosciuto e ricercato tanto nell’ambito medico quanto in quello specifico della chirurgia estetica, soprattutto, per aiutare a risolvere inestetismi quali le rughe, i solchi o comunque parti in cui si presentino delle depressioni o volumi ridotti, come, per esempio, nella zona delle labbra o degli zigomi.

Per utilizzare l’acido ialuronico, si fa ricorso ad aghi finissimi che consentono di effettuare delle iniezioni in modo mirato. Si tratta spesso di trattamenti ambulatoriali in anestesia locale, ma ci sono in casi in cui non è neanche necessaria, ottenendo un effetto visibile già dopo qualche istante.

Con un filler a base di acido ialuronico si può intervenire principalmente sul viso per eliminare delle rughe, o per aumentare il volume di labbra o di zigomi. Ma ci sono altri potenziali usi in ambito estetico, per la correzione:

  • delle cosiddette “zampe di gallina”;
  • del già citato volume delle labbra;
  • delle rughe glabellari;
  • delle pieghe naso-labiali;
  • delle rughe della bocca;
  • delle rughe frontali;
  • delle cicatrici da acne.

Anche se sono molte le pubblicità di prodotti volte a farci credere che possiamo spendere meno eseguendo questi trattamenti da sole, in casa, il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad uno specialista, per evitre future brutte sorprese. Proprio per questo il Dr Cervelli, chirurgo plastico Roma, raccomanda sempre di effettuare prima un colloquio con uno specialista ed effettuare l’operazione in laboratorio.

Per ulteriori informazioni contatta il Dr Cervelli, chirurgo plastico Roma, al 331 183 7528.

13438945_1648759508781552_5452405302727285812_n

Dr. Daniele Cervelli, 

Viale Mazzini 140, Roma

tel. 331 183 7528

migliorchirurgoplastico.roma.it

Chirurgo plastico Roma – Blefaroplastica

CHIRURGO PLASTICO ROMA

BYE BYE OCCHIAIE

Il Dr. Cervelli, chirurgo plastico Roma, consiglia…

13645363_1664084647249038_6979144814440769389_nLe occhiaie ti perseguitano? Ti senti ripetere tutti i giorni “hai un’espressione così stanca…” ma in realtà ti senti più attiva che mai?
Le occhiaie, si sa, sono uno dei problemi di estetica facciale più diffusi nel mondo femminile. Quel colore fastidioso, quel gonfiore antiestetico… La mattina vi alzate e pensate che proprio non ce la fate più, che non le volete più vedere. Beh, detto fatto! Il Dr. Daniele Cervelli, chirurgo plastico Roma, ha quello che fa al caso vostro. Con gli studi e le conoscenze acquisite negli anni di svolgimento della sua professione, il Dr Cervelli saprà darvi la risposta che cercate: l’eliminazione delle occhiaie.

COME ELIMINARE LE OCCHIAIE

Esistono svariati metodi per liberarvi di questo fastidioso inestetismo, sia tramite la Medicina Estetica che affidandosi alla Chirurgia.

Eliminare le occhiaie con la Medicina Estetica

In questo caso si hanno tre soluzioni:

1- FILLER A BASE DI COLLAGENE, per riempire le occhiaie infossate, correggendo sia la pelle cadente che il fastidioso alone scuro sotto agli occhi;

2- BOTOX, che agisce sui muscoli intorno all’occhio, ringiovanendone lo sguardo;

3- LASER, sia a bassa che ad alta intensità, che consente di eliminare le occhiaie grazie all’azione che va ad effettuare su tessuti e circolazione sanguigna.

Eliminare le occhiaie con la Chirurgia Estetica

Quando invece si ricorre alla Chirurgia, la risposta migliore è la Blefaroplastica Trans-congiuntivale.

La Blefaroplastica transcongiuntivale è una tecnica molto particolare, specifica solo della blefaroplastica inferiore. Consiste nella rimozione solo delle borse adipose inferiori tramite una incisione congiuntivale interna alla palpebra inferiore. Attraverso questa è possibile rimodellare l’eccesso di grasso senza cicatrici esterne.
Questa tecnica è indicata per le persone che hanno solo eccesso di grasso senza necessità di rimodellamento della cute e del muscolo. Inoltre, tramite la blefaroplastica transcongiuntivale è possibile modificare la forma dello sguardo mediante il sollevamento e/o il riposizionamento dell’angolo laterale dell’occhio (cantoplastica e cantopessi).

La soluzione?

Se anche tu lamenti la presenza di rughe e borse sotto gli occhi ancor prima di aver compiuto 30 anni, non aspettare che sia troppo tardi e rivolgiti agli esperti del mestiere. Contatta anche tu il Dr. Daniele Cervelli, chirurgo plastico Roma. Il Dr. Cervelli ti aspetta in Viale Mazzini 140 a Roma, per discutere insieme sul trattamento più adatto al tuo caso specifico.

Per maggiori informazioni chiama il 331 1837528.

migliorchirurgoplastico.roma.it